Le posizioni migliori per il piacere sessuale di lui e di lei

A chi, dopo un rapporto sessuale, non è mai sorta spontanea qualche domanda del genere: gli/le sarà piaciuto? Avrò fatto abbastanza? Come potrò migliorare la prossima prestazione? In che modo potrò provare più piacere?

A prescindere dal fatto che il piacere sessuale dipende molto dal coinvolgimento psicologico di entrambi i partner e dall’anatomia individuale che differisce per ognuno, è pur certo che alcune posizioni possono essere particolarmente stimolanti per l’uno, l’altro o entrambi i partner.

Le posizioni preferite da lui

Il maggior piacere, l’uomo lo prova quando viene stimolata una certa area, chiamata punto L, posizionata all’incirca, tra i testicoli e l’ano. Questo punto può essere stimolato con il movimento durante un rapporto completo, nel caso di posizioni particolari e di penetrazioni profonde, ma è spesso più semplice una stimolazione diretta tramite le mani o il sesso orale.

Tra le posizioni più conosciute per la stimolazione diretta o indiretta del punto L c’è il 69, che permette il sesso orale contemporaneo dei due partner e la reciproca stimolazione manuale, o quelle adatte alla penetrazione anale (che già di per sé possono essere in certi casi preferite dall’uomo in quanto l’anatomia anale premendo più sul pene provoca maggior piacere) come la posizione del lupo o della libellula; la prima permette una penetrazione molto profonda grazie a cui l’uomo, che detta anche il ritmo e la profondità del rapporto, può raggiungere il maggior godimento, la seconda, oltre ad essere molto stimolante è anche decisamente sensuale poiché la donna mostra la propria schiena al partner standogli seduta a cavalcioni.

Le posizioni che piacciono più a lei

La donna ha un’anatomia e una psicologia più complessa di quella maschile a livello sessuale, e a volte può essere difficile per una lei raggiungere un orgasmo soddisfacente. Per questo è necessario che all’interno della coppia vengano provate più posizioni fino a trovare quelle che più si addicono alla singola donna. Solitamente le preferite sono quelle che danno libertà di movimento alla partner, che così può gestire velocità e angolazione di penetrazione e per far sì che questo avvenga le posizioni predilette sono quelle in cui la donna “sta sopra”.

Pubblicità
loading...

La posizione dell’amazzone, dell’ape, del granchio permettono alla donna di dominare il rapporto conferendo all’atto sessuale anche una valenza psicologicamente appagante.

Se nella prima di queste posizioni la donna si siede elegantemente a cavalcioni del partner con entrambe le gambe da un lato, nelle altre la donna cavalca il proprio uomo guardandolo o voltandogli le spalle.  In ogni caso però il modo migliore per far sì che una donna raggiunga l’orgasmo è stimolare il clitoride e questo può avvenire anche senza andare alla ricerca di posizioni facili solo per chi fa stretching, anzi uno studio ha dimostrato che la tradizionale posizione del missionario (eventualmente modificata nella tecnica dell’allineamento ideata da Edward Eichel, che consiglia all’uomo di non appoggiarsi ai gomiti, o nella tecnica delle caviglie all’insù che invece spinge la donna ad appoggiare le ginocchia o i piedi sul petto dell’uomo) è assolutamente in grado di procurare il miglior piacere femminile durante ogni rapporto.

Ma un buon rapporto deve sempre piacere a entrambi

A prescindere dalle posizioni scelte per il godimento del rapporto, è fondamentale capire che il coinvolgimento psicologico conseguente all’innamoramento, al fascino o anche solo all’attrazione fisica, è determinante per l’ottenimento del piacere. Anzi se a uno dei partner il rapporto non è piaciuto, probabilmente non è piaciuto neppure all’altro e viceversa, quando si prova piacere, lo si prova insieme.

Se provare piacere è davvero troppo difficile è forse il caso di rivolgersi a un buon sessuologo che possa dare consigli modellati direttamente sul soggetto, ma nella maggiorparte dei casi, nonostante i consigli di amici e amiche, non è forse probabile che la cosa migliore da fare sia provare e riprovare sperimentando sempre posizioni diverse e concentrandosi maggiormente su quelle che piacciono di più a entrambi?


Articoli che potrebbero interessarti

Tags:

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento