Scrocchiarsi le ossa: ci sono conseguenze?

Starsene seduti al cinema, a teatro o semplicemente sull’autobus e tutto ad un tratto ecco lo scrack delle dita di chi ci è seduto accanto o nel sedile dietro al proprio. A quanti è accaduto?

Sono tantissime le persone che hanno questa mania rumorosa e per molti estremamente irritante.

Ma perché le dita scrocchiano e quali sono le conseguenze sulla salute delle articolazioni?

Le opinioni sull’argomento sono diverse e in ogni caso, chi ha questo come vizio, difficilmente riuscirà a eliminarlo con facilità dalle proprie abitudini quotidiane.

Cos’è che scrocchia quando si torcono le dita?

Quando le persone tirano, torcono o piegano le dita delle mani, c’è qualcosa che scrocchia rumorosamente dando l’idea che l’articolazione si stia man mano disgregando ad ogni crack. In realtà il rumore che si sente non è dato dalle ossa, ma dal gas.

Le articolazioni delle dita sono formate da 2 ossa che nelle estremità sono ricoperte da uno strato di cartilagine che rende il contatto più attutito; le cartilagini sono poi separate tra loro da un sottile strato di liquido, detto sinoviale, che contribuisce alla fluidità del movimento articolare. Quando le articolazioni escono leggermente dalla loro posizione originaria, come nel caso in cui si cerchi di farle scrocchiare, si forma una certa decompressione della borsa sinoviale con conseguente formazione di bolle di gas che si rompono al momento dello scrocchio.

Esistono conseguenze per la salute delle articolazioni?

In realtà quindi le ossa non vengono coinvolte in alcun trauma dannoso e secondo molti medici il vizio è solo molto fastidioso per chi sta vicino a chi ne soffre.

Pubblicità
loading...

A sentire genitori e nonni, scrocchiarsi le ossa può essere estremamente pericoloso poiché continui “traumi” in età giovanile con il passare dell’età possono evolvere in vera e propria artrosi.

Oggi si sa che in realtà, non essendo coinvolte le articolazioni, queste non possono riportare alcun danno dallo scrocchio, ma alcuni medici sconsigliano comunque di esagerare con questa brutta abitudine, in quanto se anche lo scoppio di queste bolle di gas non sono veri e propri traumi, mettono comunque sotto stress i tessuti cartilaginei che a lungo andare possono subire piccole lesioni e accentuare altri piccoli problemi che con l’avanzare dell’età possono insorgere.

Quali sono le articolazioni che scrocchiano meglio?

Solitamente si pensa sempre allo scrocchio delle dita delle mani ed effettivamente ogni film in cui un cattivo sta per menare le mani mostra in primo piano l’intrecciarsi di dita che sciolgono le proprie rigidità con uno scrocchio intimorente; molte persone però riescono a far scrocchiare anche altre articolazioni come quelle delle dita dei piedi, le caviglie, le ginocchia, il collo o la schiena.

In alcuni casi il senso di rigidità che si prova in seguito a un tempo prolungato passato con una postura scorretta può essere alleviato in seguito allo scrocchio del collo o della schiena, ma spesso la sensazione di benessere è solo ideale; solo fisioterapisti competenti possono infatti, mediante massaggi e manipolazioni, sciogliere veramente la muscolatura contratta e donare un senso di scioltezza alle articolazioni (anche se effettivamente in alcuni casi anche i fisioterapisti fanno scrocchiare le ossa dei propri pazienti).

Per concludere si può dire che scrocchiarsi le ossa non fa poi così male dal punto di vista fisico; certo è che se ci si sente tanto rigidi da dover cercare un modo per sciogliere le proprie articolazioni, forse è meglio iscriversi in palestra o rivolgersi a un ortopedico o a un fisioterapista, anche perché la conseguenza più fastidiosa che può comportare l’abitudine di scrocchiarsi le dita è che amici e conoscenti la considerano come una piccola maleducazione e, di conseguenza, si infastidiscano e si allontanino. A meno che quindi non si faccia parte di

un gruppo di amici con la stessa mania, è opportuno cercare di trattenersi il più possibile così da salvaguardare, se non la propria salute, almeno la propria vita sociale.


Articoli che potrebbero interessarti

Tags:

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento