Ridere fa bene alla salute: non è solo un detto popolare

È inutile negare che quando si vuol stare bene e si ha voglia di passare qualche ora in tranquillità, si cerca di organizzare un incontro con l’amico più intimo, si va al cinema con la famiglia a vedere un film divertente o si cerca di partecipare a uno spettacolo che susciti qualche risata.

Non è neppure così strano che i programmi tv pieni di comici e cabarettisti pronti a far ridere di gusto il proprio pubblico siano così di successo rispetto ad altre produzioni.

Ridere infatti fa veramente bene alla salute e il corpo, quando ne ha necessità, fa di tutto affinché il suo bisogno venga soddisfatto.

Cosa significa che “ridere fa bene”?

Esistono delle sostanze particolari che il cervello umano (in particolare l’ipofisi) produce spontaneamente in seguito a degli impulsi nervosi: sono le endorfine.

Queste sostanze sono fondamentali per combattere stress e ansia causa di malesseri psicofisici, insonnia e, a volte, disturbi comportamentali più o meno lievi.

La risata sincera aumenta anche la produzione di serotonina, un altro ormone naturalmente antidepressivo, riducendo invece la secrezione di cortisolo che invece stimola stress e depressione.

È ormai noto infatti che gli stati depressivi o particolarmente ansiosi sono la causa di un abbassamento piuttosto rilevante delle proprie difese immunitarie. L’apparato immunitario si rinforza invece quando circolano nell’organismo endorfine e serotonina insieme a tanti altri “ormoni del benessere”; diventa così più attivo nel contrastare batteri, virus e altri agenti pronti ad attaccare il proprio corpo.

Non è soltanto la produzione di ormoni che migliora lo stato di salute di tutto l’organismo. Ridere infatti migliora la circolazione e la respirazione, così come accade durante l’attività sportiva.

In questo modo il sangue irrora anche la parte più periferica del corpo e i tessuti si nutrono e si ossigenano maggiormente guadagnando in elasticità e salute generale.

Pubblicità
loading...

Raffaele Morelli, psichiatra, psicoterapeuta e vice presidente della SIMP (Società Italiana di Medicina Psicosomatica) ormai noto per le sue frequenti apparizioni in tv, è certo che ridere sia un vero e proprio toccasana per le menti stanche e stressate.

Secondo il medico la serietà è eccessivamente sopravvalutata nel mondo odierno cosicché le persone tendono a sentirsi sciocche o poco credibili quando ridono e si divertono, riservando la propria ilarità soltanto per i momenti di intimità con amici e familiari.

Si può perciò dire che ridere previene l’invecchiamento?

Sicuramente se i tessuti e quindi le cellule riescono a rigenerarsi più in fretta e più frequentemente, la loro funzionalità migliora sensibilmente, grazie al fatto che rimangono “giovani” più a lungo.

Bisogna anche dire che ridere mette in moto tantissimi muscoli del viso (almeno 20) e molti altri del resto del corpo, così che le grandi risate possono quasi assimilarsi ad una vera e propria ginnastica che tonifica e rassoda.

È poi evidente a chiunque quanto sia piacevole il senso di benessere e rilassatezza e quanto aumenti anche la voglia di fare cose e di intraprendere progetti, quando si ride spesso e si è frequentemente in buona compagnia; è quindi proprio il caso di dire che se si sta bene dentro si è anche più belli e forti di fuori.

D’altra parte anche le filosofie più dedite alla tranquillità della meditazione, come il buddismo, prevedono spesso di impiegare parte della giornata meditativa alla risata di cuore. Solo così infatti è possibile raggiungere un vero stato di gioia e benessere.

Ma non sono soltanto idee orientali quelle che vedono nella risata una sorta di “cura”, basti ricordare che, specialmente nei reparti ospedalieri riservati ai bambini, ma non solo, circolano spesso i clown che inducendo alla risata e al divertimento, predispongono l’organismo a una guarigione più rapida e completa.

 


Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento