La pressione bassa: molti ne soffrono, ma non è nulla di grave

La sensazione di svenimento, la vista che si abbuia, la debolezza e il pallore sono tutti sintomi di una leggera disfunzione di cui soffre almeno il 4% degli italiani (ma la percentuale arriva anche al 10% nel caso degli anziani), in particolar modo donne: la pressione bassa o ipotensione.

Quando ci si alza dalla posizione seduta o sdraiata a quella eretta, il battito cardiaco e un processo di vasocostrizione, impediscono che il sangue si accumuli, per gravità, nelle zone inferiori del corpo, lasciando il cervello privo di irrorazione per alcuni istanti. In chi soffre di ipotensione questo processo non funziona in modo adeguato, provocando una sensazione di debolezza e di svenimento piuttosto fastidioso.

Quando si può parlare di pressione bassa?

Solitamente un paziente si considera ipoteso se i valori della pressione non superano i 100/50 mmHg, ma dipendentemente dalla funzionalità individuale del corpo, è possibile che soggetti con una pressione più alta soffrano i sintomi caratteristici dell’ipotensione e che non ne soffrano invece pazienti con dei valori ancora più bassi.

Chi soffre costantemente di pressione bassa (ipotensione cronica) si presenta solitamente pallido, stanco, debole, tende ai capogiri o agli svenimenti, ma spesso basta imparare a gestire i sintomi affinché non ci siano ripercussioni considerevoli nella vita quotidiana.

In alcuni casi l’ipotensione è però una conseguenza puntuale di altre patologie che possono essere anche gravi (ipotensione acuta o parossistica): può diminuire la gittata cardiaca a causa di disfunzioni a livello circolatorio e vascolare oppure possono essere in corso delle infezioni gravi come la setticemia o essere presenti dei malfunzionamenti tiroidei o del sistema renale, ma più comunemente il paziente vive una costante condizione di anemia.

Anche l’utilizzo di alcuni farmaci (come quelli contro l’ipertensione o la depressione), uno shock anafilattico o delle considerevoli reazioni allergiche (come quelle alle arachidi o alla puntura di insetti) possono provocare degli stati ipotensivi più o meno acuti.

Come si diagnostica l’ipotensione?

Quando si soffre di una leggera pressione bassa costituzionale, al medico basta l’analisi dei sintomi per dare buoni consigli sull’alimentazione o sulle abitudini quotidiane e risolvere così un problema fastidioso.

Nel caso invece in cui l’ipotensione sia puntuale lo specialista deve indagarne le cause scatenanti mediante alcuni esami: l’emocromo completo può mostrare anemia o infezioni in corso, mentre un’insufficienza renale o surrenalica possono essere individuate grazie alla misurazione degli elettroliti e dei livelli di cortisolo nel sangue, setticemia e altre infezioni della vescica possono essere osservate dalle analisi delle urine e infine radiografie, ecocardiogrammi, esami ad ultrasuoni delle vene e TAC possono mettere in evidenza disfunzioni a carico del sistema circolatorio, respiratorio o cardiaco.

Pubblicità
loading...

Quali sono i consigli da seguire in caso di ipotensione?

Se l’ipotensione è causata da patologie specifiche, il medico, curando queste ultime, fa sì che anche la pressione sanguigna si regolarizzi; se invece la pressione bassa è costituzionale, il soggetto deve imparare a gestirne i sintomi (come evitare di alzarsi troppo in fretta o sdraiarsi nel caso si percepisca un giramento di testa eccessivo) e può senz’altro seguire dei buoni consigli alimentari utili per la vita quotidiana.

Innanzitutto il caffè forte può alzare la pressione, ma se fare colazione col caffè non è di gradimento si può optare per il thé rosso o verde, il biancospino, il karkadè o il tamarindo accompagnati da una banana o del cioccolato fondente.

Mai dimenticare che l’aglio (e in misura poco minore la cipolla) è un ottimo regolatore della pressione e usarlo costantemente in cucina è salutare e, se non si esagera, può essere anche gradevole.

Infine un erborista competente è sicuramente in grado di consigliare il giusto rimedio in base all’individualità del soggetto; l’assunzione costante di liquirizia, salvia, ginestra, guaranà, ginseng, melograno o polline possono rendere migliore la quotidianità, specialmente durante il mattino, quando la pressione sanguigna tende naturalmente ad abbassarsi e si ha bisogno di uno stimolo in più per ritrovare la corretta tonicità.

È comunque fondamentale sottolineare che statisticamente chi soffre di pressione bassa costituzionale ha un’aspettativa di vita superiore alla media, il cuore vive più a lungo e i vasi sanguigni si mantengono elastici: una disfunzione con un buon effetto collaterale, si tratta solo di porre l’attenzione a qualche sana abitudine alimentare.


Articoli che potrebbero interessarti

  • Tossire sangue: quanto è grave?Tossire sangue: quanto è grave?Le vie aeree sono costituite da mucose molto vascolarizzate. Sono solitamente piuttosto resistenti, ma in presenza di alcuni fattori possono invece...
  • Metalli pesanti: conseguenze per l’organismoMetalli pesanti: conseguenze per l’organismoLa crosta terrestre, le acque, il terreno che viene calpestato ogni giorno da chiunque e l'aria che si respira sono ricchi di sostanze atomiche e m...
  • Linee bianche sulle unghie: indice di un problema?Linee bianche sulle unghie: indice di un problema?Le unghie, come qualsiasi altra parte del corpo umano, possono manifestare lo stato di salute dell'organismo. Unghie belle, lucide, forti e resiste...
  • Sapone fai da te: come si fa?Sapone fai da te: come si fa?Pelle secca o pelle grassa, pelle delicata, irritata o con couperose: quale detergente scegliere? Oggi il mercato offre una scelta davvero ampia...
  • Il reflusso gastro-esofageoIl reflusso gastro-esofageoI problemi gastrici sono tanti e di vari tipi, ma la maggior parte di essi è risolvibile con la dieta e l'alimentazione o con l'aiuto di qualche fa...
  • Epatite A: attenzione agli alimenti crudiEpatite A: attenzione agli alimenti crudiL'epatite A, malattia virale causata dalla presenza del virus HAV del genere dell'Heparnavirus e della famiglia dei Picornaviridae, colpisce le cel...

Tags: ,

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento