Emergenza caldo in estate: come difendere bambini e anziani

Ricordate il mitico film “La dolce vita”? In esso c’è una scena molto famosa: Anita Ekberg che, nel mezzo di una serata caldissima, passeggia nelle fresche acque della fontana di Trevi. Chi di voi, nel mezzo della calura estiva, non ha sognato di fare la stessa cosa?
L’estate e le calde giornate si attendono per tutto l’anno, sia per godere delle belle giornate di sole sempre luminose, sia per potersi godere la frescura dell’acqua di mare. Naturalmente, non in secondo piano, l’attesa delle agognate ferie! Tuttavia, non tutto è sempre positivo. Infatti, alcune giornate estive sono particolarmente calde. Soprattutto negli ultimi anni, non di rado si raggiungono anche i quaranta gradi centigradi se non anche di più, e spesso sono anche molto umide, il che le rende più stressanti, se non addirittura pericolose. Cosa bisogna fare? Semplice! Salvaguardarsi e equipaggiarsi di conseguenza. Non solo per noi stessi, quanto, soprattutto, per proteggere i bambini e gli anziani dal caldo che, spesso risulta per loro particolarmente insopportabile e fonte di malesseri.
Naturalmente tutto si può tenere sotto controllo, soprattutto se siamo bene organizzati.

Come vestirsi

La prima cosa da fare quando comincia il caldo, è quella di effettuare il cambio di stagione mettendo a portata di mano tutti i capi di abbigliamento più freschi e realizzati con materiali appositi. I tessuti più freschi sono il lino e il cotone.
Sia l’armadio del bambino che quello degli anziani deve essere ben fornito di abiti freschi e sempre puliti. Canottiere, vestitini con bretelline, pantaloncini corti e camicie di lino con le mezze maniche saranno dei veri e propri alleati per sconfiggere il caldo.

Aria condizionata e immancabili ventilatori

Se fa davvero molto caldo, è sempre consigliabile evitare di uscire, soprattutto nelle ore di punta, ovvero, nelle ore più calde che, solitamente sono tra mezzogiorno e le ore sedici. In quelle ore è fondamentale che bambini e anziani non si espongano al sole, in special modo se la giornata è particolarmente afosa.
Al contrario, è molto meglio stare al fresco, tra le quattro mura di casa, rinfrescata dall’aria condizionata mantenuta a circa 24/26 gradi centigradi, la temperatura perfetta per non sentire caldo né freddo.
A volte l’aria condizionata, nonostante porti frescura, non è ben tollerata, soprattutto da alcune persone anziane. In tal caso una alternativa potrebbero essere i vecchi cari ventilatori che, almeno, servono per garantire un certo circolo dell’aria. A tal proposito bisogna ricordarsi di non fissare il ventilatore dritto verso le persone, ma tenerlo in modalità basculante.

Cosa mangiare nelle giornate più calde

Gli anziani e i bambini, durante le giornate molto calde devono seguire una dieta piuttosto leggera a base di verdure e frutta fresca, formaggi, mozzarelle, e moltissima acqua (salvo diversa indicazione da parte del medico curante). In alternativa vanno bene anche i succhi di frutta e spremute fresche. Le bevande non vanno mai bevute congelate o troppo fredde, ma semplicemente fresche. Nello stesso tempo è fondamentale evitare gli alcolici e le bevande zuccherate e gassate.
Naturalmente è possibile fare un pranzo completo, purché esso non sia eccessivamente pesante da digerire e questo vale sia per gli anziani che per i bambini. E’ comunque preferibile procedere con piccoli pasti e abbastanza frequenti, così da aiutare l’organismo a smaltirli senza alcuno sforzo.

Pubblicità
loading...

Le uscite durante le ore di punta vanno controllate

Se non è possibile fare a meno di uscire nelle ore di punta, allora è fondamentale prendere delle precauzioni molto importanti. Partiamo dall’esigenza di avere sempre a portata di mano un cappellino, naturalmente sempre di cotone o comunque di un tessuto fresco. Anche di paglia potrebbe essere l’ideale poiché garantisce una certa frescura. E’ fondamentale anche portare con sé una bottiglietta d’acqua fresca contenuta in un recipiente che mantiene la temperatura.
Se invece bisogna uscire con l’autovettura, tenerla in un box al fresco, se possibile, in alternativa è fondamentale che essa venga sempre arieggiata prima di entrare. Bisogna tenere i finestrini e le portiere aperte fino a che la temperatura non si sarà abbassata. Se c’è ancora molto caldo, potete accendere l’auto e attivare l’aria condizionata aspettando di rinfrescare l’abitacolo prima di fare entrare bambini o anziani. Quindi, tenere i finestrini chiusi e mantenere la temperatura di 24/26 gradi per tutto il tragitto.
Oltre a questi consigli fondamentali, è anche molto importante tenere sempre a portata di mano tutti i numeri per le emergenze nel caso dovesse esserci la necessità di usarli.


Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento