Cristalloterapia: serve davvero affidarsi ai quarzi?

Indossare una bella pietra potrebbe non essere soltanto un vezzo estetico; c’è chi afferma che i quarzi e tutte le pietre possano apportare significativi giovamenti alla salute della persona sia durante le sedute di cristalloterapia (o litoterapia) tenute da degli esperti del settore, sia portandole con sé, come ciondoli, anelli o semplicemente in una tasca.

Cos’è una pietra e come può aiutarci?

Gran parte della terra è costituita da pietre; queste hanno una struttura definita e sempre uguale a se stessa e sono costituite, come tutto ciò che ci circonda da minuscole particelle in continuo movimento. Queste particelle contengono dell’energia e producono microvibrazioni che possono incidere positivamente o meno con quelle che il corpo umano emette in base al suo stato di salute psico-fisica.

L’energia negativa che il corpo sprigiona quando non sta bene può essere “catturata” dalle pietre e trasformata, grazie proprio alla forma strutturale e molecolare specifica per ogni pietra diversa, in energia positiva.

Le pietre esistenti sono però tantissime e sembra necessario affidarsi a un esperto per capire qual è quella più adatta a risolvere il problema che attanaglia il soggetto in quel preciso periodo della propria vita.

Come si svolge una seduta di cristalloterapia?

Una seduta di cristallo terapia dura da 40 minuti a un’ora e mezzo circa in base all’esperto a cui ci si affida; si rimane vestiti, ma è opportuno scegliere abiti comodi e di fibra naturale come il cotone o il lino e dopo essersi adagiati su un tappetino o un lettino apposito il terapeuta provvederà a posizionare un numero più o meno ampio di pietre sui punti energetici più importanti, quelli che possono creare dei disturbi se non sono in equilibrio tra loro.

Spesso sono i chakra ad essere considerati punti energetici fondamentali per il contatto con le pietre. Secondo la tradizione induista e buddista i chakra sono 7 e sono punti di energia decisivi per il benessere della persona distribuiti per tutta la lunghezza del corpo; se non si sta bene i chakra si chiudono e non emanano energie positive, mentre un corpo e una mente sani possono aprire i loro chakra ed emanare energie positive. In caso ce ne sia bisogno sembra che le pietre possano individuare i chakra chiusi assorbendo le energie emesse dal corpo per trasformarle in “benessere energetico”.

Pietre diverse per scopi diversi

loading...

Non sono solo i quarzi che possono apportare benefici alla salute, ma, secondo gli esperti, ogni pietra può essere d’aiuto per le diverse difficoltà individuali, nel campo del corpo fisico, dello spirito, della psiche e della mente.

Ad esempio l’acquamarina sembra abbia ottimi effetti relativamente alla tiroide, al sistema immunitario e come prevenzione dei raffreddori, aumenta serenità e autostima, aiuta a fare chiarezza nelle situazioni confuse e facilita l’introspezione. Il quarzo rosa invece, rinforza il cuore e gli organi sessuali, aiuta ad esteriorizzare i sentimenti e tiene lontane le preoccupazioni e infine dona serenità e calma interiore. Ogni pietra quindi ha il suo scopo e va scelta accuratamente in base al proprio stato di salute e alla propria indole (e secondo alcuni anche in base al proprio segno zodiacale).

Cosa dice la scienza?

I medici non possono far altro che osteggiare questo tipo di pratiche in quanto non esiste alcuna prova riscontrabile che esistano i punti di energia nel corpo umano o i chakra o che le pietre siano in grado di assorbire e donare energia.

Gli addetti del settore assicurano però che dei miglioramenti sostanziali vengono comunque manifestati da coloro che vi si affidano.

Quello che non si può negare è che un po’ di tempo speso per se stessi, con luce soffusa, profumi emanati da candele ed essenze, atmosfera serena, calda e tranquilla, fa certamente bene a chiunque e se i disturbi accusati sono di origine psicologica non è escluso che possano migliorare (non tanto per le pietre in sé, quanto per la rilassatezza indotta durante le sedute); è decisamente più difficile aspettarsi delle “guarigioni” semplicemente indossando un quarzo o un’ematite, ma si dice sempre che la mente da sola possa fare molto e l’idea di avere addosso qualcosa in grado di far stare bene potrebbe in qualche caso aiutare veramente.


Articoli che potrebbero interessarti

Tags: ,

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento