Le protesi 3D di Iron man, Frozen, Star Wars

La tecnologia fa ogni giorno degli enormi passi avanti, sia nel campo della tecnica che in quello della medicina. A volte una fortunata sinergia fra questi due campi riesce a produrre degli oggetti in apparenza semplici, ma capaci di portare la felicità nelle persone più innocenti e delicate: i bambini.
Sappiamo tutti come la perdita di un arto, di una mano, sia un trauma spaventoso, capace di creare profondi scompensi psicologici in una persona. Ma quando questo dramma accade ad un bambino o ad una bambina, il dramma diventa ancora più grave e può portare a conseguenze devastanti nella psiche dei più piccoli.
Ma i bambini hanno come loro alleata una risorsa preziosa: la fantasia, l’amore per il fantastico. Cosa succederebbe quindi se le protesi a loro riservate non fossero più grigie ed anonime ma colorate ed identiche a quelle dei loro eroi?
Albert Manero è lo studente di un college americano che ha creato un progetto tanto originale quanto geniale: utilizzando una stampante 3D ha costruito una protesi praticamente identica al guanto meccanico usato da Iron Man, eroe dei fumetti ed ora dei film Marvel.
Lo scopo di questo progetto è di donare ai bambini la consapevolezza di essere un po’ diversi dagli altri, ma non in negativo bensì in positivo.
La protesi di Iron Man non può che sorprendere per la precisione dei dettagli: le forme ed i colori sono gli stessi del guanto originale, con addirittura delle luci al Led con cui simulare i reattori creati da Tony Stark, l’alter ego di Iron Man. In futuro, dice Manero, si potranno impiantare nel guanto una pletora di altri dispositivi: smartwatch, sensori, tecnologia NFC…  in questo modo la protesi non sarà più un motivo di vergogna per i bambini che devono portarla bensì un orgoglio che dona sicurezza in se stessi e nella vita.
La tecnologia 3D ha anche il vantaggio di costare molto meno di una protesi normale, permettendo quindi l’acquisto anche alle famiglie meno abbienti.

A questo punto sarete probabilmente curiosi di vedere come funziona dal vivo questa protesi…
Ecco un piacevolissimo filmato in cui potrete vedere il guanto bionico in azione!

Alex, un bambino americano, è nato con un arto meno sviluppato dell’altro. I suoi genitori hanno contattato Albert Manero per poter regalare al proprio figlio il guanto bionico di Iron Man e Albert si è presentato con un testimonial di eccezione: Tony Stark!
L’attore Robert Downey Jr., che interpreta Iron Man negli omonimi film, ha partecipato al dono del braccio bionico, regalando ad Alex un’esperienza unica, che gli rimarrà per sempre nel cuore.
Guardate lo sguardo del bambino quando incontra il suo eroe e notate la fiducia che cresce sempre di più quando indossa il suo nuovo braccio artificiale insieme all’eroe dei suoi sogni…
Il merito di questo dono così speciale va anche alla Marvel, che ha acconsentito a rinunciare ad ogni diritto non solo sul braccio di Iron Man e di Star Wars, ma anche sulla versione femminile del prodotto, ovvero il guanto dell’eroina di Frozen, sicuramente più adatto alle bambine.

loading...

Ma se in America si progettano gli arti di Iron Man in Italia non si è da meno: all’istituto Sant’Anna di Pisa sono in elaborazione delle mani bioniche “made in Italy”, che potranno aiutare anche tanti bambini del nostro paese a riacquisire sicurezza in se stessi ed ottimismo verso la propria vita ed il proprio futuro. Guardate in questo link un video di questo interessante progetto!


Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento