La depressione da mancanza di luce

Sta arrivando, lentamente, l’inverno: le giornate (complice anche il cambio dell’ora) si accorciano, e alle cinque di pomeriggio ci si trova quasi immersi nel buio più totale. Se è vero che le temperature autunnali sono sempre più miti, non si può dire lo stesso dell’oscurità: la mancanza di luce non conosce infatti ostacoli, nemmeno il buco dell’ozono pare spaventarla!

 

Quando il buio porta la depressione

Avete mai notato che la depressione è spesso chiamata “il male oscuro”? In effetti un legame con la mancanza di luce pare esistere: è un dato di fatto che le persone depresse vedano un peggioramento della loro condizione a mano a mano che le giornate si accorciano, raggiungendo il “culmine negativo” nel pieno dell’inverno. Gli inglesi, popolo ricco di poesia, hanno chiamato questo fenomeno “Winter blues”, ovvero tristezza invernale. Ma al di là delle definizioni, esiste un legame scientificamente dimostrabile tra oscurità e depressione? Bene, pare proprio di sì!

Il buio vince la serotonina

Il termine “serotonina” è ormai noto anche al grande pubblico: si tratta dell’ormone del buonumore, ovvero quella sostanza che, se assente, rende le persone tristi, depresse, sensibili ai pensieri più neri, oscuri…
Il problema nasce quando la serotonina, pur essendo presente nel corpo, non viene trasportata come dovrebbe! Il responsabile del “trasporto del buon umore” è un neurotrasmettitore chiamato “Sert”. Il funzionamento del Sert dipende spesso dalla presenza o meno di luce. Paradossalmente, più il Sert è presente più la depressione aumenta perché quando questo neurotrasmettitore si sviluppa in eccesso tende a “catturare” la serotonina, impedendole di fare il suo lavoro.
Fortunatamente questa depressione non colpisce il 100% degli individui, ma solo coloro che, sempre per ragioni genetiche, sono predisposti alla sovrabbondanza di Sert.

Ma se dovessimo fare una classifica, quali sono i paesi che soffrono di più per la depressione da oscurità?

loading...

I paesi più depressi per la mancanza di luce

Va da sé che i paesi scandinavi siano al primo posto, ma non tutti allo stesso modo. Ci si spieghiamo meglio, con un semplice esempio: un conto è soffrire per l’oscurità in una città come Stoccolma, ricca di vita notturna, di cultura, di cose da fare… Un conto è soffrire per l’oscurità in un paesino del nord della Norvegia, dove la presenza umana è ridotta al minimo e molti centri abitati non superano le 2-3.000 persone.
Se ci pensate, la sofferenza del depresso non nasce solo dalla mancanza di luce, ma dalla solitutine, dalla routine dalla mancanza di stimoli che portino a sperare che domani sarà meglio di oggi.
Se abitate in un paesino con due bar e una dozzina di persone della vostra età, sarà quasi impossibile incontrare persone nuove, aprirsi ad esperienze originali, trovare l’anima gemella.

Consigli per vincere la depressione da mancanza di luce

Se temete di soffrire di depressione da mancanza di luce non dovete preoccuparvi troppo: esistono infatti molti metodi per superare questa difficoltà. Ve ne elenchiamo alcuni:

  • Lampade solari: potrà farvi sorridere, ma nei paesi del Nord Europa la depressione da mancanza di luce si cura soprattutto così! Un paio di volte alla settimana i nordici si espongono a delle sedute di lampada solare che, oltre a donare alla pelle un bel colore bronzeo, ripristina la vitamina D e scaccia gli effetti negativi dell’assenza di luce.
  • Buona compagnia: la depressione si cura, spesso, circondandosi di persone amiche. Approfittate delle lunghe giornate invernali per organizzare, almeno nei weekend, delle giornate in compagnia. Le possibilità sono molte: da un weekend in montagna (dove il sole, almeno per alcune ore, abbonda) a delle serate in casa a guardare film o a cimentarvi nei giochi in scatola. Questi stratagemmi valgono sia per i single sia per chi ha già famiglia.
  • Passeggiare: una bella passeggiata nei boschi, od anche in un parco cittadino, è un toccasana per chi soffre di depressione. Ovviamente si dovrà praticare questa blanda attività sportiva solo nei giorni di piena luce. Fortunatamente il clima italiano è decisamente più mite di quello nord europeo ed anche a Dicembre o Gennaio troverete giornate piene di luce. Approfittatene per goderne almeno per un paio d’ore all’aria aperta!

I consigli qui riportati sono solo alcuni di quelli possibili. Ovviamente, nel caso in cui la depressione persista, potrete recarvi dal vostro medico e farvi prescrivere dei medicinali che riequilibreranno il livello della vostra serotonina. La medicina moderna serve anche a questo e sarebbe sciocco non approfittarne.


Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento