PCI: Paralisi cerebrale infantile, numeri e cause

Alcune patologie ancora non possono essere diagnosticate con una certa precocità, eppure possono compromettere la vita futura di bambini e famiglie, anche in modo piuttosto pervasivo.

Una grave malattia dello sviluppo è la PCI: la Paralisi cerebrale infantile, che può manifestarsi entro i primi 3 anni di vita e per cui ancora non si sono delineate delle cause ben precise che possano soddisfare tutti i casi esistenti.

Dal punto di vista medico la paralisi cerebrale infantile viene definita come un insieme di disturbi neurologici conseguenti a una lesione non progressiva del sistema nervoso centrale, verificatasi in epoca pre, peri o post-natale.

Non è una malattia recente, fonti storiche ne testimoniano l’esistenza anche nell’antica Mesopotamia e già nel corso nell’800 un importante ortopedico prima, Sir John Little, e Sigmund Freud dopo, ne hanno parlato in opere specifiche.

Cosa comporta la paralisi cerebrale infantile?

I disturbi conseguenti alla PCI possono essere di diversa gravità in base al tipo di lesione cerebrale che affligge il bambino.

La tetraplegia, cioè la paralisi di tutti e quattro gli arti e del tronco, coinvolge 1/3 dei casi ed è la situazione più grave cui si può incorrere.

Altre situazioni, meno frequenti, ma comunque importanti, comprendono casi di emiplegia (paralisi di un lato del corpo), diplegia (paralisi o difficoltà motorie a tutti gli arti, con prevalenza di quelli inferiori), triplegia (difficoltà motoria di 3 arti), monoplegia (difficoltà motoria di un arto).

In ognuno di questi casi la muscolatura può apparire troppo tonica, con spasmi violenti, o possono comparire disturbi all’equilibrio e alla coordinazione dei movimenti.

Da cosa è provocata la paralisi cerebrale infantile?

In buona parte dei casi non è possibile riconoscere una causa scatenante ben precisa della malattia.

loading...

Gli studi più recenti possono però confermare che la causa può risiedere nel periodo prenatale, se sono sussistite infezioni materne gravi o assunzioni di elementi molto tossici durante la gravidanza, o quando si sono verificati casi di gestosi importante; nel periodo perinatale, cioè durante il parto, se avviene in modo difficoltoso o precedentemente alla 32° settimana o se si sono verificate complicazioni che hanno provocato una mancanza di ossigenazione al cervello del bambino; nel periodo postnatale in seguito a traumi cranici gravi, epilessia duratura (più di 30 minuti) o arresto cardiocircolatorio per tempi troppo prolungati.

Nel 35-40% dei casi, il basso peso alla nascita (inferiore a 1,5 Kg) è un fattore scatenante della malattia, mentre nel 5-10% dei casi sono delle malformazioni cerebrali genetiche che possono dar vita alla grave conseguenza. Con la stessa percentuale possono essere indicate come cause determinanti le infezioni e le ischemie intrauterine. Nel 5% dei casi la causa è probabilmente metabolica e nel 2,5% delle evenienze si tratta invece di fattori genetici o cromosomici.

Nel 10% delle vittime il problema si origina durante il parto, a causa di una grave asfissia e, purtroppo, nel 20% dei casi non è ancora possibile individuare una causa ben precisa.

È piuttosto frequente che si sviluppino sintomi paralleli a quelli motori; accanto alle problematiche di mobilità di tronco e arti, si possono manifestare altri disturbi altrettanto gravi: ritardo mentale, difficoltà di apprendimento, disturbi del linguaggio, della vista e dell’udito, compromissione della personalità e frequente rischio di epilessia.

Come comportarsi se un bambino è affetto da paralisi cerebrale infantile?

È scontato dire che una famiglia si ritrova a vivere una situazione di disequilibrio e confusione, quando viene a sapere che il proprio figlio ha subìto lesioni tanto gravi da impedirgli di vivere una vita “normale”. Per questo motivo è forse opportuno rivolgersi alle associazioni dedicate (come AFPCI Onlus) che cercano di offrire tutto l’aiuto possibile alle famiglie e di divulgare informazioni sulla PCI per una campagna di sensibilizzazione verso il problema.

Dal punto di vista medico i genitori del bambino malato di paralisi cerebrale infantile possono rivolgersi ai centri riabilitativi specializzati presenti in Italia dove un’équipe di medici composta da ortopedici, neurologi, pediatri e chirurghi può trovare la soluzione migliore per rendere la quotidianità della famiglia e della piccola vittima il più vivibile possibile.

Può essere inoltre di supporto sapere dell’esistenza di un gruppo di ricerca specifico per la paralisi cerebrale infantile, il GIPCI, che riunendo i vari esperti nazionali sull’argomento, tenta di aggiornare periodicamente gli addetti sulle nuove ricerche e gli ultimi risultati ottenuti.

 


Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento