Gli amminoacidi e la bellezza

Ogni donna sogna di avere una pelle sempre delicata e brillante, delle unghie forti e resistenti e dei capelli lucidi e soffici al tocco. Ma come ottenere tutti questi vantaggi assumendo un unico prodotto nella propria dieta? Molte sostanze nutritive possono apportare dei vantaggi per i capelli, la pelle o le unghie, ma solo gli amminoacidi riescono a nutrire contemporaneamente queste tre “armi di seduzione”. Anziché utilizzare balsami per i capelli o creme protettive per le unghie, è possibile agire “dall’interno” assumendo un giusto mix di amminoacidi.
Ma cosa sono esattamente gli amminoacidi e come possono prendersi cura della bellezza del nostro corpo?

Gli amminoacidi in dettaglio

Tecnicamente gli amminoacidi (detti a volte aminoacidi, con una sola m) sono delle molecole organiche al cui interno è presente sia il gruppo funzionale amminico sia quello carbossilico. Si tratta di elementi costitutivi delle proteine e fra essi 20 fanno parte delle proteine degli organismi viventi, sia umani sia animali.
Queste molecole possono essere assunte tramite una normale dieta ma in alcuni casi è possibile aumentarne la presenza metabolica utilizzando degli integratori, ad esempio la ormai celebre creatina, sperimentata con successo dai sollevatori di pesi e dagli sportivi di tutto il mondo.
L’importanza degli amminoacidi per la bellezza e la salute è data dal loro apporto di sostanze vitali che vanno a nutrire i capelli, le unghie e la pelle.

Amminoacidi e capelli

Lo stress della vita quotidiana e una dieta errata possono danneggiare soprattutto i nostri capelli, la cui salute è spesso la cartina al tornasole delle nostre condizioni psicofisiche. Quando ci sentiamo bene e siamo nel pieno delle nostre forze i nostri capelli sono folti, robusti e brillanti; ma quando ci troviamo in una situazione di difficoltà e tensione (ad esempio sul lavoro o nella nostra vita sentimentale) i capelli possono sfibrarsi, indebolirsi ed addirittura iniziare a cadere.
La perdita dei capelli rappresenta un piccolo-grande dramma per qualsiasi persona. Un dramma che non colpisce solo gli uomini (come si pensava in passato), ma anche le donne di tutte le età.
In questo senso gli amminoacidi possono venire in aiuto per ridonare alla nostra chioma quella brillantezza e salute che la rende piacevole da guardare ed accarezzare.

Oltre allo stress della vita quotidiana, anche il passare degli anni rema contro la salute dei nostri capelli. Ciò è dovuto innanzitutto al rallentamento della divisione cellulare, che provoca una diminuzione nella nascita di nuove cellule; proprio quelle cellule che permettono alla pelle di rimanere giovane ed elastica ed ai capelli di essere numerosi, forti e brillanti. Quando si è giovani le cellule si rinnovano ogni 4 settimane, ma dopo i 40 anni di età tale rinnovamento avviene solo ogni 40 giorni. Ciò determina una riduzione delle utili fibre all’interno dei tessuti (ad esempio l’elastina ed il collagene), dalla cui mancanza deriva inevitabilmente un indebolimento del tessuto connettivo, un aumento delle rughe ed un peggioramento della salute di pelle e capelli.

Ma è proprio in questa situazione di crisi che gli amminoacidi possono venirci in aiuto: l’assunzione nella dieta di queste sostanze provoca una positiva stimolazione cellulare finalizzata ad una generosa produzione di proteine utili per la bellezza, come appunto l’elastina ed il collagene. Ma non solo: alcuni amminoacidi riescono ad avvolgere le cellule in un involucro liquido protettivo, difendendole dalle sostanze nocive ed aumentando l’idratazione epidermica.

La taurina: una grande alleata della bellezza

Un amminoacido che riveste grande importanza nella cura della bellezza è la taurina.
Il curioso nome deriva ovviamente dal toro. Gli scienziati del lontano Ottocento trovarono proprio nella bile di questo robusto animale una grande quantità dell’amminoacido e decisero perciò di “rendergli omaggio” in questo modo.
Sebbene la taurina sia nota al grande pubblico per essere presente in molte bevande energetiche,
i suoi vantaggi non si esauriscono in questo ambito, tutt’altro: anche la salute dei nostri occhi può migliorare assumendo la taurina, che viene impiegata persino nel trattamento dell’epilessia.

In natura la taurina si trova in alimenti come carne, pesce, uova e latte. Si tratta di sostanze facilmente acquisibili con una dieta equilibrata, ma in parte carenti in una dieta vegetariana e quasi completamente assenti nell’alimentazione vegana. Un’integrazione di taurina risulterebbe quindi utilissima a coloro che, per scelta o per ragioni mediche, non possono nutrirsi di animali o di sostanze alimentari derivanti da essi.

loading...

La taurina agisce come una vera “cura di bellezza” per il nostro corpo in quanto combatte i radicali liberi, quelle molecole che si formano quando la cellula si nutre e che creano delle pericolose reazioni a catena da cui si sviluppano dei metaboliti tossici per l’organismo. I radicali liberi sono in sostanza i principali responsabili dell’invecchiamento dei nostri capelli e la taurina riesce a combatterli efficacemente, restituendo alla chioma un aspetto sano e vitale.
Entrando nel dettaglio, l’amminoacido tende ad accumularsi sul bulbo del capello, rendendolo più forte e resistente ed impedendo quindi un’antiestetica caduta.

Ma quanta taurina dovrebbe assumere un organismo adulto? La ricerca medica ha dimostrato che la dose ottimale varia dai 2 agli 8 grammi “per die” (al giorno), a seconda del nostro peso, della nostra età e della dieta che siamo soliti seguire.

Se questo argomento vi ha interessato e desiderate ottenere maggiori informazioni sui numerosi benefici della taurina, troverete un utile approfondimento in questo sito specializzato: http://amminoacidi.org/taurina/

Buona lettura!


Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento