Le rughe: oggi non sono più un problema

Le rughe sono il primo dei problemi estetici che il passare del tempo dona, per questo è anche uno dei motivi per cui le donne e gli uomini più si rivolgono a un chirurgo estetico. Sono principalmente le donne di età compresa tra i 40 e i 50 anni che chiedono aiuto per il proprio viso e il proprio décolleté (circa il 50%), seguite statisticamente dalle over 50 e infine da coloro che hanno meno di 40 anni.

Lasciami tutte le rughe, ci ho messo una vita a farmele!”. Anna Magnani non sembrava preoccuparsi delle sue rughe come fanno le donne di oggi. Le rughe sono in effetti il simbolo della vita vissuta, rappresentano tutte le preoccupazioni, le ansie, le paure, ma anche le gioie e le risate; eppure un viso rugoso non piace a nessuno e in un mondo in cui le relazioni sociali sono diventate il fulcro della quotidianità, non piacere diventa inaccettabile.

Cosa si fa per eliminare le rughe?

Quando creme e prodotti da profumeria non bastano più non rimane che una cosa da fare: rivolgersi al chirurgo estetico.

Le tecniche possibili per l’eliminazione o l’attenuazione delle rughe sono molte: dal laser ai filler omeopatici, ma nella maggior parte dei casi vengono iniettate delle dosi di acido ialuronico, collagene o botulino.

Il botulino viene usato principalmente per rughe frontali o glabellari (quelle che si formano tra le arcate sopracciliari), ma offrono un buon risultato anche con le perioculari, le cosiddette zampe di gallina. Il botulino è una sostanza prodotta da un batterio, il Clostridium Botulinum, e iniettata in un muscolo tende a bloccarne la contrazione attenuando così le varie rughe d’espressione.

Il collagene è invece una proteina presente nel tessuto connettivo del corpo, che può essere iniettata praticamente in tutte le rughe facciali, ove ce ne sia bisogno. Oggi però la sostanza prediletta per i filler (cioè le iniezioni) è l’acido ialuronico. Presente normalmente nel nostro corpo, questa sostanza è in grado di attrarre a sé l’acqua dell’organismo, reidratando così i tessuti e nel caso della chirurgia estetica distendendo la cute e le rughe. Col passare dell’età la quantità di acido ialuronico presente nel corpo diminuisce, così iniettarne una certa dose dove serve apporta dei giovamenti senza dubbio apprezzabili. L’acido ialuronico tende a riassorbirsi, è quindi necessario ricorrere periodicamente ad un piccolo ritocco che mantenga la tonicità desiderata.

Cosa fare se i filler non bastano?

loading...

Se la condizione estetica del viso e del collo è stata trascurata e si è aggravata eccessivamente, i filler possono non bastare e diventa necessario sottoporsi a veri e propri interventi chirurgici.

Se le rughe si associano a palpebre cadenti o borse è probabile che il medico consigli una blefaroplastica; mentre se la pelle del volto perde tonicità e risulta cadente è sicuramente il liftng facciale ciò di cui si ha bisogno.

È bene tener presente che è sempre meglio cercare di prevenire le rughe finché è possibile, con piccoli accorgimenti quotidiani relativi all’alimentazione e alla cura del corpo.

Ad esempio una dieta povera di frutta e verdura di certo non giova al benessere cellulare dei tessuti, così come bere molto può invece essere un valido aiuto per mantenere la pelle elastica e tonica (d’altra parte le cellule sono costituite in gran parte proprio di acqua). Fondamentale è anche non esagerare col sole, ma non evitarlo del tutto e rinunciare per quanto possibile alle lampade abbronzanti. L’attività fisica aumenta la circolazione, il benessere e la funzionalità dei tessuti e degli organi interni. Inoltre un corpo sano è sicuramente anche più bello e il non fumare, anche in questo caso, non può fare altro che giovare alla salute e alla bellezza. Infatti oltre ad “asciugare” i tessuti, pelle compresa, il fumo impone dei movimenti labiali e facciali che non fanno altro che incidere fortemente sulla formazione delle rughe, sia quelle glabellari e perioculari, per le necessità di strizzare gli occhi continuamente a causa del fumo, sia, in maggior misura, quella nasogeniena che va dai lati del naso agli angoli della bocca con due solchi profondi e quelle perilabiali per il movimento continuo che le labbra assumono per aspirare il fumo.


Articoli che potrebbero interessarti

Tags: ,

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento