Rifarsi la pancia: uomini e donne alla ricerca di un ventre piatto

“Omo de panza, omo de sostanza”: il detto romano sembra non essere tenuto più molto in considerazione dagli uomini che col passare dell’età o in seguito a condizioni particolari si ritrovano con il ventre voluminoso o particolarmente flaccido. L’addominoplastica è un’operazione estetica richiesta piuttosto frequentemente, in particolar modo dagli uomini che vogliono eliminare questo tipo di inestetismi, ma anche dalle donne che possono sentire il bisogno di risollevare il proprio ventre, soprattutto nel caso di gravidanze multiple o dimagrimenti repentini e ripetuti.

Spesso una dieta non è sufficiente a recuperare una situazione estetica che non fa vivere tranquillamente gli aspetti relazionali della quotidianità. Per questo un colloquio con un chirurgo estetico competente può servire a trovare una soluzione che apporti dei sostanziali miglioramenti alla propria autostima e conseguentemente agli aspetti relazionali e lavorativi della vita.

Cosa è l’addominoplastica?

Il colloquio con il medico è fondamentale per capire le difficoltà, le esigenze e le aspettative del paziente. Il medico deve essere in grado di chiarire le idee al paziente e di dare un’immagine chiara di quali siano i possibili risultati di un’operazione estetica come questa. Certamente non sorgeranno addominali scolpiti, ma una forte riduzione del girovita dovrebbe bastare per piacersi di più. Quando il ventre è molto gonfio ed è presente anche una buona quantità di adipe, il medico deve aspirare il grasso in eccesso ed eliminare la cute che rimarrebbe pendula.

La pelle è infatti dotata di una grande elasticità, grazie a cui può adattarsi al corpo in seguito a dei dimagrimenti importanti, ma in alcuni casi uno stress eccessivo non permette l’aderenza al corpo che ci si aspetterebbe,. Il medico con delle incisioni praticate in punti specifici dell’addome può tirare la cute e tagliarne la quantità necessaria, lasciando sul corpo del paziente soltanto una piccola cicatrice dentro l’ombelico e una linea cicatriziale poco sopra al pube; sicuramente visibile, ma in una posizione tale da poter essere nascosta con slip e costumi da bagno.

Come avviene l’operazione?

L’intervento di addominoplastica dura da 1 a 3 ore, dipendentemente dal tipo di operazione necessaria al paziente. Il chirurgo provvede ad aspirare il grasso, quando necessario, riposizionare le fasce muscolari, se possibile, e tagliare via la pelle in eccesso che se ricade sul pube e sulla parte alta delle cosce (pancia a grembiule) come accade a chi è dimagrito in tempi brevissimi magari in seguito a degli interventi, può provocare infezioni e irritazioni cutanee; quando viene ritenuto opportuno, dopo aver concordato il tutto col paziente, viene poi praticato anche un rimodellamento delle cosce, solitamente mediante liposuzione.

In seguito all’intervento, effettuato in anestesia generale, il paziente deve rimanere uno o due giorni in degenza e in posizione supina, senza sforzare gli addominali. In seguito può iniziare a utilizzare nuovamente i muscoli della pancia, senza stressarli eccessivamente e proteggendoli per una decina di giorni con una apposita fascia elastica.

loading...

Risultato e complicanze

Il ventre che il paziente si ritrova ad avere dopo l’intervento di addominoplastica è senza dubbio più piatto e più gradevole alla vista, ma è anche più “comodo e funzionale”; se l’operazione è servita a diminuire il volume di un ventre molto gonfio. l’ingombro davanti al soggetto sarà minore e molte azioni quotidiane risulteranno più semplici.

Certo non ci si può aspettare di risvegliarsi con il ventre di uno sportivo, ma l’aspetto generale della persona risulta sicuramente più sano e più attivo. È raro che possano sorgere delle complicanze in seguito all’intervento e anche quando queste si presentano sono solitamente semplici da risolvere e assolutamente non gravi. Si tratta di piccole infezioni che possono svilupparsi a causa di batteri, ma una terapia antibiotica basta per riportare il tutto alla normalità.

L’attenzione maggiore devono porla le ragazze giovani: sebbene basti la maggiore età per potersi sottoporre all’operazione, chi pensa di volere un figlio dovrebbe aspettare a rifarsi il ventre in quanto la tensione addominale è più elevata dopo l’operazione e la grande pancia della gravidanza rischia di creare problemi alle fibre muscolari.

 


Articoli che potrebbero interessarti

Tags: ,

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento