La ricostruzione delle unghie

Sappiamo bene quanto la nostra epoca sia legata all’immagine, soprattutto quella femminile. Sia che una donna lavori fuori casa sia che si “limiti” (le virgolette sono d’obbligo) a lavorare come casalinga, il primo biglietto da visita che si mostra quando si incontra qualcuno è sicuramente la propria mano… e le proprie unghie!

E sebbene anche gli uomini inizino, finalmente!, ad avere delle unghie curate, è soprattutto dalle donne che si aspetta una grande attenzione per le proprie unghie.

Purtroppo però una cattiva alimentazione, lo stress o semplicemente delle cause genetiche possono provocare una grande fragilità alle nostre unghie. In questo caso la cosa più semplice ed utile da fare sarà una ricostruzione delle unghie stesse, ma di cosa si tratta esattamente?

 

Come funziona la ricostruzione delle unghie

Tecnicamente la ricostruzione delle unghie è un trattamento che si effettua da un’estetista con l’obiettivo di ricoprire l’unghia con una patina protettiva. In alcuni casi l’unghia viene anche allungata (a volte anche in modo vistoso) ma il fine principale della ricostruzione è proprio la protezione delle unghie fragili.

Il materiale di copertura è un particolare gel creato appositamente per essere compatibile con le unghie di qualsiasi donna e per essere assolutamente atossico e anallergico. Secondo alcuni critici il gel usato per la ricostruzione delle unghie potrebbe provocare delle patologie anche gravi ma al momento pare non esistano degli studi scientifici che supportano queste affermazioni. Oltre a proteggere l’unghia fragile dagli agenti esterni, la ricostruzione rende l’unghia più spessa ed esteticamente gradevole; inoltre il costo della ricostruzione non è eccessivo, ovvio quindi che molte donne di ogni età considerino la ricostruzione delle unghie come il primo degli interventi estetici, il meno invasivo e sicuramente il più economico.

Va inoltre ricordato che lo stress porta molte persone a mangiarsi le unghie in modo davvero patologico (“onicofagia”) , al di là del fatto che tale “vizio” andrebbe curato anche dal punto di vista psicologico, la ricostruzione delle unghie può intanto assistere in quel miglioramento dell’immagine indispensabile per chi mostra delle unghie mangiucchiate, magari fino alla radice!

loading...

I principali metodi di ricostruzione delle unghie

Esistono fondamentalmente due metodi per ricostruire le unghie: il gel e l’acrilico.

  • L’acrilico: è la tecnica più “antica”, basata sull’uso di una particolare resina acrilica che viene applicata sull’unghia per irrobustirla e ispessirla. Per far sì che l’applicazione sia uniforme e duratura si utilizza appunto una particolare polvere acrilica.
  • Il gel: è una tecnica più moderna e si basa sull’uso di gel a ultravioletti, che per asciugare necessitano di particolari lampade UV, presenti ormai in quasi tutti i centri estetici italiani.

Sia il gel che l’acrilico sono però delle coperture e non rappresentano il materiale con cui l’unghia viene effettivamente ricostruite. I materiali che vengono utilizzati per la ricostruzione vera e propria sono le cartine millimetrate ed il fiberglass.

Quanto costa e quanto dura la ricostruzione delle unghie?

Iniziamo col dire che i prezzi sono ormai bassi, ben diversi da quelli di 20 o 30 anni fa, quando i centri estetici erano rarissimi e le persone che si facevano curare le unghie erano quasi sempre rappresentanti di classi sociali molto agiate. Al giorno d’oggi anche un’adolescente o una studentessa di 20 anni possono permettersi, almeno ogni tanto, una bella ricostruzione delle unghie, magari rinunciando ad una scatola di trucchi o, molto meglio!, a qualche pacchetto di sigarette.

In generale il prezzo di una ricostruzione si aggira intorno agli 80-100 euro. Può sembrare molto, ma in fondo equivale ad andare due o tre volte dal parrucchiere o, tornando a paragoni tabagisti, a circa 15 pacchetti di sigarette. Un prezzo più che ragionevole quindi, anche perché il trattamento dura circa 4 settimane e permette quindi di sfoggiare unghie di diamante per quasi un mese.

In alcuni casi poi basterà richiedere un semplice ritocco (dal costo di circa 25-30 euro) per quelle unghie che sono in buone condizioni e che non necessitano di una ricostruzione completa.


Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento