Epilazione e depilazione: può essere definitiva?

Una cosa è certa: troppi peli sul corpo, sia esso maschile o femminile, non piacciono quasi a nessuno. Le mode possono sicuramente cambiare, ed effettivamente le donne che attualmente hanno 60 o 70 anni raccontano tranquillamente che da giovani non si depilavano certo le ascelle, mentre oggi una ragazza in canottiera e le ascelle non depilate non è certo considerata al top della cura del proprio corpo. Lo stesso vale per il nord Europa, dove le donne non si depilano le gambe e vanno al mare tranquillamente senza farsi alcun problema di ciò che hanno sugli stinchi e le cosce. Questo, almeno in Italia, sarebbe impensabile anche per una bambina in età preadolescenziale che inizi a curare il proprio aspetto. Il problema peli non è però solo femminile: anche gli uomini sono passati da un periodo in cui il petto villoso era considerato il simbolo del vero macho alla moda di oggi che evidenzia come a quasi tutte le donne piaccia l’idea dei bei pettorali scolpiti, lisci e liberi da peli superflui.

Quanti sono i peli del corpo?

Ci sono alcune zone del corpo che sono naturalmente coperte di peli: le ascelle, il pube e le gambe sono bersagli colpiti in entrambi i sessi, mentre pettorali, braccia, schiena e volto sono per lo più caratteristiche dei corpi maschili.  Tuttavia è bene sottolineare che la quantità di peli sulla persona non è uguale per chiunque; sono tanti i fattori che influiscono, tra cui la predisposizione genetica, le malattie o i farmaci. Tali fattori possono far aumentare o diminuire notevolmente la quantità di peli nelle zone a loro deputate, o possono far crescere peli scuri anche dove normalmente non crescerebbero, come, nel caso delle donne, sul volto o sotto il naso a mo’ di baffetti.  Si parla in questo caso di irsutismo e spesso chi ne soffre cerca di eliminare il problema definitivamente recandosi presso un centro estetico o da un medico specializzato.

L’epilazione è il metodo con cui persone irsute, o semplicemente donne e uomini stanchi di sottostare a lamette e cerette, si rivolgono per eliminare il problema alla radice.

Che differenza c’è tra epilazione e depilazione?

La depilazione è il metodo a cui solitamente ci si affida quando si iniziano ad avere i primi problemi di peluria sulle gambe (le donne) o sul petto (gli uomini). Si tratta di recidere il fusto del pelo al livello dell’epidermide in modo da ottenere una momentanea risoluzione del problema. C’è da dire che questo metodo, facilmente effettuabile con rasoi elettrici o a lametta è sicuramente rapido e indolore, ma il pelo si ripresenterà però qualche ora dopo il trattamento più forte e consistente di prima. L’epilazione invece consiste nell’eliminazione del pelo alla sua radice, il bulbo che nasce nel follicolo pilifero e da lì attraversa lo strato sovrastante di cute fino ad uscire fuori da un piccolo foro della pelle. Riuscire a strappare il pelo con tutto il suo bulbo garantisce pelle liscia e priva di peli per un tempo sicuramente maggiore. L’epilazione si può fare a casa con macchinette apposite o strisce epilatorie di cera (acquistabili anche al supermercato) che, applicate calde sulla pelle, si raffreddano solidificandosi e portando via peli e bulbi con il doloroso strappo che quasi tutte le donne ben conoscono.

Da qualche anno esiste però anche un metodo alternativo per eliminare i peli: l’epilazione definitiva mediante laser o luce pulsante.

Pubblicità
loading...

Come funziona l’epilazione definitiva?

In realtà non è del tutto corretto parlare di epilazione “definitiva” in quanto in un tempo più o meno lungo alcuni peli quasi sicuramente ricresceranno anche nelle zone trattate. Si dovrebbe invece parlare di epilazione permanente, che indica un trattamento che ha un ottimo risultato per quanto riguarda l’eliminazione dei peli, ma che non può assicurare che non ricresceranno mai più.

L’epilazione permanente viene effettuata da operatori dei centri estetici o da medici specialisti della chirurgia estetica mediante delle apparecchiature particolari.

Gli apparecchi per la depilazione mediante laser sono il Laser a diodi, l’Alessandrite e il Nd-Yag. Esistono poi apparecchi che funzionano a luce pulsata, ma il meccanismo di epilazione è più o meno lo stesso di quello delle apparecchiature laser: un raggio di luce entra nell’epidermide colpendo il pelo e provocando un aumento di temperatura che distrugge il bulbo. Una volta distrutto il bulbo, il pelo non può ricrescere.

Il risultato di questi trattamenti dipende dal tipo di peli e di pelle di chi vi si sottopone e dalla competenza del medico. Spesso nei centri estetici è vietato utilizzare macchine molto potenti, che se usate male possono anche provocare delle gravi ustioni;  il risultato è quindi sicuramente inferiore. Comunque è necessario tener sempre presente che, anche rivolgendosi a un buon medico per avere dei risultati soddisfacenti, sono necessarie almeno 8-10 sedute (abbastanza costose) a distanza di un mese l’una dall’altra. Inoltre rimane certa la possibilità che dei peli possano ricrescere, specialmente nelle zone in cui sono naturalmente presenti, come il pube o le gambe; più probabile invece un ottimo risultato con baffi e peluria sul viso delle donne.


Articoli che potrebbero interessarti

Tags: ,

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento