Allergia al sole

Ormai l’estate è in pieno trionfo! Cosa c’è di più bello, dopo una lunga settimana di lavoro, di prendere la macchina per recarsi al mare o in montagna e godersi un bel po’ di sole? I raggi solari sono utilissimi per numerosi motivi:
Aumento della produzione di vitamina D: questa vitamina, preziosissima per la nostra salute, viene prodotta proprio esponendosi al sole per un paio d’ore o più al giorno.
Miglioramento dell’umore: il sole, si sa, dona energia e buon umore. Dopo un lungo e freddo inverno non c’è nulla di più corroborante che assorbire un po’ di raggi solari, sia stando pigramente sdraiati sulla spiaggia o su una sedia a sdraio, sia divertendosi con una passeggiata fra le montagne o una sfrenata partita di beach volley!
Aumento dell’autostima: se ci pensate, un corpo abbronzato è un corpo più bello. Del resto, le star del cinema non sfoggiano perennemente una splendida abbronzatura? Qualche giorno di sole permette di donare al viso e al corpo quel colore dorato che ci fa apparire più belli (e belle!) e seducenti

Questi sono solo alcuni vantaggi dell’esposizione ai raggi del sole, ma che succede se invece, ahimé, si soffre di un’allergia ai raggi solari?

 

Cos’è l’allergia al sole

L’allergia al sole può essere di numerosi tipi, ma quasi tutti si riconducono ad una medesima patologia: la dermatite. Ecco elencati i principali tipi di dermatite che possono creare una vera e propria allergia al nostro amato sole:

  • La dermatite fotoallergica: è probabilmente la più semplice da curare in quanto non riguarda un’allergia diretta dell’epidermide quanto piuttosto ad una interazione negativa con una sostanza od un particolare farmaco che sono stati applicati sulla pelle (o raramente assunti per via orale). Potrebbe trattarsi di un’allergia alla crema solare o forse di un altro tipo di interazione negativa con uno spray antizanzara… In ogni caso, una visita dall’allergologo potrebbe essere la soluzione perfetta per eliminare la vostra allergia al sole.
  • La dermatite polimorfa solare: si tratta di una violenta eruzione cutanea che tende ovviamente a colpire le persone con la pelle più chiara e le donne. Se siete delle bionde o delle rosse, fate attenzione! Ma cosa accade esattamente alla pelle? Ciò che avviene è che le radiazioni ultraviolette provocano il rilascio di alcune sostanze chimiche che causano il prurito. Non si capisce però ancora esattamente da cosa nasca questo comportamento dell’organismo. Il risultato comunque sono delle papole, delle vescicole o delle pustole, decisamente antiestetiche.
  • L’orticaria solare: tutti voi conoscete l’orticaria, quel fastidiosissimo senso di prurito che può arrivare a livelli di vero e proprio dolore fisico. Bene, l’orticaria può essere causata anche dal sole! Fortunatamente è molto rara, inoltre colpisce quasi sempre le persone di sesso femminile. Perciò se siete dei bagnini o degli amanti del surf state tranquilli: difficilmente vi troverete a grattarvi nel mezzo della spiaggia!

 

loading...

I sintomi delle allergie al sole

Va innanzitutto sottolineato che l’allergia al sole si manifesta con dei sintomi molto vari, a seconda del tipo di allergia e della particolare sensibilità del singolo individuo.
Possiamo comunque ricordare qui i sintomi più frequenti:
comparsa di bolle o vesciche, non sempre dolorose ma sempre brutte a vedersi
• un rossore più o meno intenso. Certo, anche questo è antiestetico ma almeno si può coprire con un po’ di trucco!
rigonfiamenti molto evidenti, più o meno gli stessi che compaiono dopo la puntura da parte di un fastidioso tafano

Le migliori soluzioni contro l’allergia al sole

Iniziamo col dire che il metodo migliore per combattere l’allergia al sole è di recarsi da un bravo dermatologo e seguire pedissequamente le sue prescrizioni! Detto questo, possiamo fornire dei consigli comunque utili, qualsiasi sia il tipo di allergia di cui soffrite.
Non esagerate col sole! Se soffrite a livello anche leggero di un’allergia al sole dovrete innanzitutto prenderlo per gradi. Lasciate quindi stare i bagni di sole ed ovviamente non recatevi in spiaggia intorno a mezzogiorno. La regola dovrebbe essere: mai dopo le 10 e mai prima delle 17.
Se proprio dovete stare al sole, non esitate ad indossare magliette, anche a maniche lunghe. Esistono delle magliette bianche in microfibra che lasciano respirare la pelle, e sono pure eleganti!
Cercate di trovare delle creme solari senza filtri chimici, che possono aumentare la vostra fotosensibilità
Infine: ricordatevi che una pelle lattea è decisamente elegante! Fino a 50 anni fa la vera bellezza per una donna (ma anche per un uomo) era data da un colore della cute perlaceo: la pelle abbronzata ricordava quella dei lavoratori della terra e perciò era snobbata dalle persone eleganti. Se siete allergiche al sole sarebbe il caso di ricordarselo la prossima volta che vi recherete in spiaggia!
Bianchezza è bellezza!


Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento