Seno più grande con l’alimentazione: è possibile?

Il seno è una delle parti del corpo femminile più amate, piace agli uomini perché li eccita e piace alle donne perché offre un’armonia al corpo che un seno piatto non può certo concedere: d’altra parte sono proprio “le belle forme” che sono sempre piaciute a tutti.

Corpi magrissimi e seno abbondante quindi sono elementi del modello di bellezza di oggi.

Ma se per essere magre basta mettersi a dieta, per far crescere un seno (che tra l’altro con una dieta ipocalorica tende a diminuire) come si fa?

Tecniche diverse per ottenere un seno abbondante

La più semplice delle soluzioni rimane sempre quella del reggiseno imbottito. Una volta esistevano reggiseni di semplice cotone o pizzo e reggiseni con un bello strato di imbottitura che sotto una maglietta illudevano che ci fosse almeno una taglia in più. Oggi l’intimo femminile ha fatto molti progressi; innanzitutto è ormai difficile trovare un reggiseno che non abbia la coppa definita e già questo dà volume a un seno di piccole dimensioni sostenendo meglio quelli più grandi, chi poi vuole un decollété perfetto può scegliere tra vari tipi di imbottitura, spalline che stringono o alzano e coppe che danno volume. I modi per dare l’impressione di avere un seno più grande sono molti, basta passare un po’ di tempo in un negozio di intimo femminile.

Certamente questa soluzione è ottima per la sera in cui si vuole vestire un abito scollato o una maglia aderente che potrebbe davvero mettere in risalto seni troppo piccoli. Ma cosa fare perché il volume rimanga anche quando la maglietta o l’abito non si indossano più?

La mammella è costituita da ghiandole e tessuto adiposo quindi non ci sono muscoli da poter sviluppare; è però vero che c’è una muscolatura attorno al seno che può sostenere e tonificare il seno, di qualsiasi misura sia; quindi recarsi in palestra e fare un po’ di esercizio fisico, oltre a fare bene alla salute e alle relazioni sociali, può migliorare anche l’aspetto del proprio decollété.

Infine c’è il mezzo più definitivo tra tutti quelli elencati: la mastoplastica additiva; si parla di una vera e propria operazione chirurgica che inserisce all’interno delle mammelle una protesi di silicone che aumenta il volume di una o due taglie.

E l’alimentazione come può influire?

loading...

La grandezza del seno (che, è bene ricordare, non influisce affatto con la funzionalità ghiandolare in caso di allattamento in gravidanza) dipende dalla concentrazione di alcuni ormoni femminili: gli estrogeni. Esistono alcune molecole che si trovano nei vegetali che riescono ad imitare il funzionamento dell’ormone femminile e sembra possano influire su una eventuale crescita del seno. Si tratta dei fitoestrogeni, di cui è ricca la soia (in tutte le forme, dai semi al latte, al tofu, alle lavorazioni sotto forma di spezzatino o simili), ma ache i legumi (piselli in particolar modo e lenticchie), crucifere (come i cavoli), le noci o i cereali, ma anche semi di sesamo, frutti di bosco come i lamponi e i mirtilli o erbe aromatiche come aglio, anice finocchio e salvia.

Perché aumentare le dimensioni del seno?

Quando si decide di provvedere al proprio seno, aumentando di una taglia (o più di una) il proprio reggiseno con i vari metodi consigliati dai più o meno esperti del settore, si è soliti parlare di disagio psicologico causato dall’avere un seno troppo piccolo che non consente di intraprendere delle relazioni sociali al pari di chi ha un seno abbondante.

Probabilmente il problema vero della difficoltà a instraurare dei rapporti non è tanto un seno troppo piccolo quanto la spropositata importanza che si dà alla taglia del proprio reggiseno.

In ogni caso ognuno ha il diritto di piacersi il più possibile e quindi, prima di sottoporsi a un intervento è bene tener presente che ampliare la dieta con cibi ricchi di estrogeni può fornire un valido aiuto se si vuole tentare di aumentare la misura delle proprie forme; ovviamente è opportuno non aspettarsi alcun miracolo e soprattutto non eccedere con le quantità di nessuno di questi alimenti poiché come ormai si sa bene, l’eccesso è sempre sbagliato.

 


Articoli che potrebbero interessarti

Tags: ,

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento