Origano: ricco di oli essenziali è ottimo per la cucina e l’erboristeria

L’origano (Origanum vulgare L.) è una comunissima spezia della famiglia delle Lamiaceae, utilizzata pressoché in tutte le case per insaporire sughi, pizze o verdure. Ha un sapore delicato e caratteristico in grado di donare un tocco di particolarità anche ai piatti più semplici, ma le sue doti non sono solo culinarie: l’origano è infatti anche un’ottima pianta dagli usi terapeutici.

Caratteristiche della pianta

L’origano è una pianta erbacea strisciante orizzontalmente, con fusti alti anche 60-70 cm con foglie verde intenso e, nel periodo di fioritura, infiorescenze profumatissime di colore bianco o rosa. Le foglie sono solitamente piccole, glabre e fortemente odorose.

Oggi l’origano si trova in tutta Italia e a qualsiasi latitudine, ma il nome, che proviene dal greco e significa “delizia della montagna”, è indice del fatto che allo stato selvatico si può trovare principalmente ad alte latitudini.

L’origano è una pianta facilmente essiccabile, per questo viene raramente utilizzato fresco, mentre è facile trovarne dei mazzi secchi o, nei supermercati, delle confezioni in taglio piccolo.

L’origano contiene degli oli essenziali, i responsabili del profumo caratteristico. La leggenda racconta di Amaraco, giovane di Cipro, che alla ricerca del profumo perfetto da donare al proprio re

fa cadere l’ampolla in cui lo aveva racchiuso e per il dispiacere muore di crepacuore (un’altra versione racconta invece che sia morto estasiato dalla bontà del profumo che aveva creato); gli Dei per ringraziarlo di un profumo tanto buono lo trasformarono in una pianta, così da renderlo immortale in ogni foglia di origano.

Leggende a parte, è confermato dagli scritti di Apicio che l’origano veniva utilizzato già nell’Antica Roma e altri documenti testimoniano che antico Egitto e Magna Grecia non fossero all’oscuro delle sue proprietà nella preparazione di piatti.

Le proprietà della pianta

Pubblicità
loading...

L’origano contiene principalmente oli essenziali, tra cui timolo, carvacrolo e terpinene. La pianta viene utilizzata sia internamente che esternamente e nel primo caso è utile per facilitare la digestione, attenuare i crampi intestinali (se assunti sotto forma di infuso o tintura venosa) ed eliminare il catarro (specialmente se se ne fanno dei suffumigi), grazie alla forte azione aperitiva, digestiva, antispasmodica ed espettorante, mentre nel secondo caso viene utilizzata per disinfettare bocca e gola e per deodorare le pelli impure.

Gli oli essenziali, sebbene abbiano una potente attività farmacologica, devono essere utilizzati con parsimonia in quanto a dosi molto elevate possono procurare danni legati ad eventuali intossicazioni o e forti irritazioni ai tessuti (questo vale esclusivamente per l’uso dell’olio puro; il pizzico di origano nel piatto del giorno, non crea certo alcun tipo di conseguenza, se non quella di migliorare il sapore della pietanza).

Chi ha voglia di cimentarsi nella preparazione di un oleolito fai da te, può immergere 20 g di origano in 100 g di olio, lasciarlo a macerare al buio in un barattolo di vetro coperto ma non ermetico, e filtrarlo dopo 30 – 35 giorni. Si ottiene così un olio da spalmare sulla cute che può fornire il proprio aiuto nei casi di dolori osteoarticolari o di circolazione rallentata.

L’origano nel piatto

Il sapore intenso, ma non troppo invadente, dell’origano rende le foglie adatte al condimento di piatti estivi come capresi o pomodori al forno. Solitamente il rosso ortaggio viene associato alle foglie di basilico, ma anche l’origano è un ottimo compagno del pomodoro o, perché no, con l’associazione tra le due spezie si può ottenere un connubio di sapori assolutamente particolare.

Ad esempio chi non conosce il piatto caratteristico delle giornate più calde, ossia la caprese? Solitamente si affettano i pomodori e le mozzarelle e si posizionano sul piatto in maniera alternata, con olio, sale, pepe e basilico; il consiglio è di aggiungere una spolverata non eccessiva di origano, il sapore sarà più esotico e altrettanto rinfrescante.


Articoli che potrebbero interessarti

Tags: ,

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento