Curare la stipsi

La stipsi, detta anche costipazione o più comunemente stitichezza, è dovuta alla ritenzione di materiale fecale nel tubo digerente. Essa si ha quando vi è un transito rallentato nel colon, organo in cui si formano i materiali di scarto che andranno espulsi; qualora le sue contrazioni siano troppo deboli le feci non riusciranno a scendere con la dovuta velocità venendo espulse tardi, mentre qualora esso tenda ad assorbire troppa acqua le feci si disidrateranno, seccandosi e indurendosi rendendo il compito di liberarsene molto difficile al nostro organismo.

Il sintomo più diffuso e percepibile di stitichezza è costituito dai dolori addominali dovuti appunto alla prolungata ritenzione delle feci.

Stipsi: le cause

Tra le cause di stipsi vanno rilevate malattie come ictus, sclerosi multipla e morbo di Parkinson, oltre a patologie ormonali quali diabete e ipotiroidismo. Essendo gli organi preposti alla nostra digestione, anche problemi a intestino, retto e ovviamente colon possono esserne alla base.

Essa si presenta inoltre in seguito a determinati mutamenti fisici, che possono incorrere nell’età anziana oppure durante la gravidanza.

Anche diversi farmaci possono provocare stitichezza: tra di essi antidolorifici, antidepressivi, diuretici e antiacidi; pure un abuso di lassativi, che possono benissimo venire prescritti in dosi adeguate dal medico per curarla, può farla insorgere.

Al di là di queste cause, ce ne sono altre legate a nostri particolari stati emotivi (che possono portare alla inibizione dello stimolo e alla sua elusione, oltreché a ipomotilità colitica) e a nostre errate abitudini. Di certo una scarsa attività fisica non giova da questo punto di vista e quindi sarebbe il caso di adottare una condotta in tal senso più sana.

Pubblicità
loading...

Dieta contro la stitichezza

Anche un’alimentazione sbagliata può essere causa di problemi: una dieta povera di fibre e ricca di cibi grassi è altamente sconsigliata; tra gli alimenti quantomeno da ridurre vanno annoverati: latte e derivati, carni grasse, uova, cioccolata, dolci e bibite gassate.

Consigliatissima una dieta ricca di cibi con alto contenuto di fibre, poiché queste impediscono l’indurimento delle feci; andranno quindi preferibilmente consumati frutta, verdura cotta, cereali, legumi e pane integrale.

Per contrastare la disidratazione delle feci e controbilanciarne l’eccessivo assorbimento da parte del colon sarà un’ottima abitudine quella di bere tanta acqua.


Articoli che potrebbero interessarti

  • È pericoloso mangiare la muffa?È pericoloso mangiare la muffa?A tutti sarà capitato di aprire il frigorifero e scoprire che qualche cibo che vi è stato riposto è visibilmente ricoperto di muffa. Se il problema...
  • Alimenti che mantengono giovane la pelleAlimenti che mantengono giovane la pelleMolte persone ritengono di dover spendere un patrimonio in trattamenti di bellezza e di investire nella chirurgia estetica per allontanare lo spaur...
  • Dieta in caso di gastriteDieta in caso di gastriteLa gastrite è un processo infiammatorio acuto o cronico della parete gastrica, che presenta spiacevoli sintomi quali acidità, bruciori e crampi all...
  • La liquirizia: tanta bontà e tantissima saluteLa liquirizia: tanta bontà e tantissima saluteC'è chi la ama e chi la odia per il sapore intenso in grado di lasciare un retrogusto in bocca anche per molte ore, ma una cosa è senza dubbio inne...
  • Le intolleranze alimentari: funzionano i test?Le intolleranze alimentari: funzionano i test?Le intolleranze alimentari: funzionano i test? Ultimamente si sente spesso parlare di test per le intolleranze alimentari e capita di vedere con...
  • Cibi OGMCibi OGMIl cibo è da sempre fonte di vita soggetto spesso a continue evoluzioni legate sia all'ambiente che all'introduzione di nuove culture e informazion...

Tags: ,

Non ci sono commenti.

Lascia un Commento